Gas naturale: anteprima del rapporto settimanale sullo stoccaggio del gas naturale EIA

Gas naturale: la principale fonte di energia domestica, con una produzione che supera i due milioni di tonnellate all’anno, il gas è ampiamente distribuito e utilizzato in tutta la nazione. Il gas è anche fortemente coinvolto nel trasferimento di energia dagli impianti di generazione all’utente finale, il che significa che ci sono molti usi per esso e la necessità di mantenerlo al sicuro in ogni momento. Per questo motivo, le relazioni giornaliere EIA (inventario degli incidenti esplosivi) sono essenziali per il monitoraggio e la sicurezza di questa preziosa risorsa.

Poiché è un prodotto a base di gas naturale, è simile e può essere facilmente miscelato con il petrolio greggio, il che significa che il gas prodotto può anche essere miscelato con acqua per formare GPL (gas di petrolio liquido). Il gas può circolare tramite una tubazione o può essere immagazzinato in un serbatoio prima del trasporto. Numerosi sono i progetti di stoccaggio del gas naturale in tutta la nazione, compreso il settore HVAC (riscaldamento, ventilazione, condizionamento). Al fine di proteggere il gas naturale dai danni dovuti alla corrosione da sbalzi di temperatura e guasti alle apparecchiature, nonché da fulmini, vapori infiammabili che salgono dai serbatoi di stoccaggio sotterranei, il gas può essere contenuto in vari modi.

Un metodo di stoccaggio prevede l’utilizzo del gas naturale come dispositivo di inserimento diretto, dove viene riscaldato, iniettato in un serbatoio di stoccaggio e lasciato a mantenere la sua temperatura. Un altro metodo è lo stoccaggio naturale indiretto, in cui il gas naturale viene prima riscaldato in un impianto e iniettato nel serbatoio di stoccaggio. Un terzo metodo chiamato contenimento del gas di frattura prevede l’utilizzo del gas naturale per fratturare un’area sotterranea, contenente sacche di fratture naturali. Quando il gas naturale si frattura, viene applicata una pressione sulle fessure, che forza le molecole di gas attraverso le fratture, espandendole e creando il gas che ora può essere immagazzinato in sicurezza.

Un ulteriore tipo di contenimento del gas naturale prevede l’utilizzo di un serbatoio pressurizzato e di un sistema di deflettori per contenere le emissioni gassose. Il deflettore riduce le pressioni delle emissioni gassose e aiuta a mantenere la temperatura del gas. Il gas viene quindi iniettato in un serbatoio di stoccaggio e il gas diventa troppo caldo in modo che inizi ad evaporare. Questo processo di evaporazione dovrebbe raffreddare il gas rimanente, ma a volte il processo fa sì che il liquido cambi la sua consistenza, il che rende il gas instabile e talvolta causa perdite.

Altri sistemi di contenimento includono il contenimento dell’anidride carbonica e sistemi di contenimento di sodio e potassio ad alta pressione. Il contenimento dell’anidride carbonica richiede l’uso di un vuoto, mentre il contenimento di sodio e potassio ad alta pressione richiede solventi. È noto che l’anidride carbonica e l’idrogeno causano perdite; tuttavia, le perdite potrebbero non essere così frequenti come credevano alcuni scienziati, perché nessuna perdita era stata ancora trovata. Alcune perdite potrebbero derivare dall’attrezzatura di contenimento stessa, come se il sistema si surriscaldasse e poi cessasse di funzionare, provocando un’esplosione.

Un altro sistema di contenimento per il gas naturale è il sistema di stoccaggio del gas combustibile. In questo sistema, un liquido o gas combustibile viene immagazzinato in un contenitore. Se il liquido è esposto all’aria, si accenderà e provocherebbe un’enorme esplosione. La preoccupazione principale di questo tipo di contenimento è che rappresenta la minaccia di esplosione se viene inavvertitamente innescato da un incidente o da una scintilla. I sistemi di contenimento per questo tipo di gas possono essere installati all’interno o all’esterno dell’edificio, a seconda delle ordinanze locali.

I sistemi di sfiato del gas naturale sono progettati per sfiatare l’aria negli edifici. Esistono due tipi di sfiato: non ventilato e ventilato. I sistemi non ventilati sono più efficienti dei sistemi ventilati, perché non emettono gas. Tuttavia, non possono impedire una fuga di gas. Funzionano solo per sfiatare l’aria negli edifici dove il sistema di sfiato del gas naturale non è disponibile.

Esistono diversi modi per utilizzare il gas naturale. È stato ampiamente utilizzato per il riscaldamento, sebbene sia costoso al momento dell’acquisto e dell’installazione dell’attrezzatura. La maggior parte delle case utilizza il gas naturale come fonte primaria di riscaldamento. Le case nelle aree rurali degli Stati Uniti sono quelle che utilizzano il gas naturale per il riscaldamento. Viene anche utilizzato per alimentare apparecchiature come i riscaldatori. Si stima che diventerà la principale fonte di riscaldamento in dieci anni.